open baladin è il locale [birreria] recentemente aperto da teo musso e soci in piazzale valdo fusi, a torino. il progetto è interessante e ha consentito di recuperare quella casa canada che dal 2006 faceva brutta mostra di sé nella piazza. in più, mi piace l’idea di proporre birre artigianali diverse a rotazione nel tempo.
lo dico subito: il locale è bello. colorato, luminoso, arredato qua e là con pezzi di recupero e con un certo gusto.
la location è quasi perfetta: una piazza ampia e pedonale, senza abitazioni adiacenti, sufficientemente lontana da altri locali potenziali concorrenti [a parte il jazz club]. sopratutto d’estate, prendere una birra e consumarla fuori dal locale chiacchierando con gli amici può essere un piacevole inizio di serata. prevedo un grande successo.
peccato che io lì non metterò più piede.
per i motivi che vado ad elencare, dopo avere premesso che avevamo prenotato un tavolo [in undici: martedì 8 aprile] per una cena tra amici.

1. PULIZIA. birreria o meno, quando mi siedo a un tavolo prenotato con tanto di scritta “riservato marmotti” pretendo che questo tavolo sia pulito. per togliere i residui appiccicosi [birra o altro] lasciati dai precedenti avventori è sufficiente passare una spugnetta bagnata, prima, e uno straccio asciutto, dopo. non mi sembra questa gran fatica;
2. PREZZO 1. uno stinco, per quanto cotto nella birra artigianale, non può costare 15 euri. a meno che non sia uno stinco strepitoso;
3. PREZZO 2. l’elenco delle birre alla spina non riporta i prezzi. con l’età sono diventato ciecato, ma non li ho trovati esposti da nessuna parte;
4. GUSTO 1. sicuramente ricordo male, sarò influenzato da mille cose, ma lo stinco analogo che consumai da baladin in piozzo non più tardi dello scorso luglio era, lui sì, buonissimo, con la carne che si staccava dall’osso solo guardandola;
5. GUSTO 2. la peperonata di accompagno era buona, anche se non ho capito perché affogarla in così tanto liquido di cottura. forse se ne voleva fare un minestrone;
6. GUSTO 3. le patatine fritte. ecco. immaginate delle patatine tipo san carlo inserite in un cartoccio di carta oleata e passate al microonde. vi farete un’idea;
7. GUSTO 4. di sicuro avevo il palato interrotto, quella sera. ma le birre alla spina assaggiate mi sono sembrate un po’ leggerine, per così dire. la mia era una bitter ale, molto poco bitter e molto troppo ale. le baladin assaggiate dai bicchieri dei miei sodali invece erano buone;
8. COMODITA’ 1. mangiare mentre il locale è pieno di gente, senza adeguata distanza o separazione tra chi è seduto e chi sta in piedi, ti rende oggetto di ripetuti, insistiti e malevoli sguardi di persone incombenti che a mezzo metro di distanza da te mormorano telepaticamente “ti sbrighi? te ne vai? alzati, stronzo!”;
9. COMODITA’ 2. alle mie spalle c’era un tavolo più alto del nostro con sgabelli per sedersi. in qualunque tipo di locale è necessario prevedere una distanza minima tra i tavoli. invece io mi sono ritrovato a cenare con il culo di una fanciulla dai capelli rossi comodamente appoggiato in mezzo alle scapole. non sto esagerando. e non ho ancora capito se e in che misura questo fatto mi abbia dato fastidio;
10. QUANTITA’. sarò abituato male, ma se chiedo una birra media [40 cl di ordinanza], mi aspetto una birra media;
11. SERVIZIO. il servizio è un disastro globale totale. si può obiettare che trattasi di birreria. va bene. ma faccio solo un esempio, tra i tanti: se ordino una seconda birra, questa volta in bottiglia [birrificio italiano, una garanzia], mi aspetto di ricevere bicchieri puliti e non bicchieri con un dito [!] di acqua da risciacquo dentro. ovviamente l’acqua c’era in tutti i bicchieri, non solo nel mio, e ovviamente non ho detto una parola. ho rovesciato il contenuto nel piatto e ho asciugato il bicchiere con una salvietta di carta.

per fortuna la serata è andata bene. bella per via della compagnia, che fa sempre la differenza.
la prossima volta che si decide per una birreria, però, si va al piper o non mi muovo da casa.

http://www.baladin.it/it/i-locali/open-baladin-torino
http://www.piperpubtorino.it/

Advertisements